Home arrow Tuscia arrow Bagnaia
Bagnaia PDF Stampa E-mail

 

Bagnaia - Villa Lante
Bagnaia - Villa Lante

Bagnaia (4 km da Viterbo) vanta uno dei complessi rinascimentali più spettacolari della regione, la Villa Lante, realizzata, in uno spazio destinato a riserva di caccia, a partire dalla metà del Cinquecento per volontà del card. Francesco de Gambara. I lavori di completamento e ampliamento, nei decenni successivi, si devono al card. Peretti Montalto. Dalla balaustra della fontana dei Lumini si ha una bella vista del giardino all’Italiana con al centro la fontana del Quadrato sovrastata dal gruppo dei quattro Mori. Le due palazzine laterali accolgono nell’interno ricche sequenze di affreschi manieristici.
 
  
 
 
 
 
 
 
 
Bagnaia - Villa Lante
Bagnaia - Villa Lante
 
 
Tra le varie fontane, notevoli quella dei Delfini (da cui si sviluppa una singolare catena a forma di gambero) e quella dei Giganti, al cospetto della cosiddetta tavola del Cardinale. La Villa ha conosciuto, nel tempo, ospiti d’eccezione fra cui Carlo Borromeo (1580), Michel de Montaigne (1581), una delegazione di ambasciatori giapponesi (1585) e vari pontefici (Gregorio XIII, Pio VII). Bagnaia offre anche un singolare spaccato di urbanistica medioevale intorno al vecchio castello dominato da una torre cilindrica. Le prime notizie del borgo risalgono al X secolo, quando il castrum si chiamava Bengaria.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Bagnaia - Villa Lante
Bagnaia - Villa Lante
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Il testo è stato copiato da un opuscolo gratuito dell'APT di Viterbo per l'efficace sintesi. In questo depliant del Gennaio 2006 non compariva alcun tipo di Copyright
 
< Prec.   Pros. >